Una rete di salvataggio

aggiornato al | Staff | ARTICOLI

a cura di Lucia Luminasi, vicepresidente del CUFO

Nel compilare il programma di lavoro del CUFO per il 2020, ci eravamo soffermati molto sulla necessità di migliorare l’informazione di utenti, familiari e operatori riguardo all’organizzazione dei servizi e alle opportunità offerte dall’associazionismo e dal territorio. Al di là della distribuzione di materiale cartaceo, sempre utile, avevamo pensato di proporre l’incremento e l’arricchimento dei siti internet dedicati all’informazione sulla Salute Mentale.

In particolare, notavamo che il sito dell’AUSL chiamato il Faro https://www.ausl.bologna.it/asl-bologna/dipartimenti-territoriali-1/dipartimento-di-salute-mentale (da non confondere con la rivista a tema Il nuovo Faro) contiene dati sul DSM-DP ai fini della trasparenza, ma potrebbe essere implementato con dati statistici e informazioni sui servizi; e il sito Sogni e Bisogni http://www.sogniebisogni.it/, nato grazie a un progetto PRISMA e gestito finora da poche persone, necessita di essere aggiornato sui servizi, sulla normativa, sulle opportunità, anche mediante una maggior collaborazione da parte degli operatori sanitari e sociali.

Non immaginavamo certo che l’emergenza coronavirus ci avrebbe piombato repentinamente in una situazione così inedita e spiazzante come l’obbligo di chiuderci in casa, e di conseguenza nell’impossibilità di incontrarci, di partecipare ai nostri gruppi, di svolgere gomito a gomito le nostre attività.
I lavori del CUFO che volevamo mettere in cantiere, e i progetti di inclusione sociale del PRISMA, già ben avviati e graditissimi all’utenza, hanno subito una battuta d’arresto di cui non si prevede la durata, però… c’è Sogni e Bisogni!

Subito abbiamo capito che internet in frangenti come questi può essere il mezzo per sentirsi vicini, tenersi su di morale e soprattutto sostenere i più fragili e disorientati.
Può anche essere il mezzo per dare una mano a chi combatte in prima linea contro il virus, diffondendo informazioni utili e corrette, frenando comportamenti inappropriati, organizzando aiuti concreti…
Ed ecco che in pochi giorni uno dei punti del nostro programma ha fatto un balzo in avanti incredibile: con il convinto sostegno della Direzione il progetto di sviluppo di Sogni e Bisogni ha già preso quota e va verso una realizzazione superiore alle aspettative.

Stiamo vivendo giorni difficili e temo che col passare del tempo lo straniamento, l’ansia, la claustrofobia, il timore del contagio non possano che aumentare, ma si vedono tanti segni di reazione positiva: la gente accetta le limitazioni in modo sempre più consapevole e nel frattempo si inventa modi nuovi di sentirsi parte di una comunità, cantando alla finestra, accendendo luci, inviando messaggi incoraggianti, diffondendo arte e cultura sui social. Sembra perfino che i leoni da tastiera abbiano un po’ meno voglia di ruggire…
Internet, strumento di per sé utilissimo, nell’emergenza si dimostra un’autentica rete di salvataggio.
Perciò… Tutti in rete, su Sogni e Bisogni!




 

Marco Cavallo - simbolo della chiusura dei manicomi

La Terra Santa

...quando amavamo
ci facevano gli elettrochoc
perché, dicevano, un pazzo
non può amare nessuno...

Versi tratti da "La Terra Santa"
di Alda Merini
Una raccolta di poesie che l'autrice scrisse quando era rinchiusa nel manicomio Paolo  Pini, di Milano.

Scorciatoie

Sogni&Bisogni

Associazione Cercare Oltre

presso Istituzione Giancarlo Minguzzi
Via Sant'Isaia, 90
40123 Bologna
Codice Fiscale: 91345260375
email: redazione@sogniebisogni.it

Privacy&Cookies

Privacy Policy Cookie Policy