• Home
  • documenti
  • Articoli
  • Associazione "I Diavoli Rossi": angeli caduti dal cielo

Associazione "I Diavoli Rossi": angeli caduti dal cielo

aggiornato al | Staff | ARTICOLI

a cura di Daniele Collina

Il gruppo storico nasce nel 1999 da un interesse comune verso l’attività sportiva formata da utenti e operatori dei CSM di San Lazzaro, Casalecchio e Vergato mentre l’Associazione Polisportiva Dilettantistica Diavoli Rossi è nata il primo dicembre del 2008. Oltre al gruppo storico ha aderito anche il centro diurno di Casalecchio e infine anche i familiari, i volontari e amici attivi. Si è deciso di costituire un’associazione soprattutto per poter partecipare a tutte le attività che questa forma giuridica consente.

Ad oggi l’Associazione è composta da circa 80 soci che insieme hanno saputo unire lo sport alla socializzazione. Si pratica come attività primaria il calcetto ma si gioca anche a basket e pallavolo. Poi si è aggiunto il trekking con il gruppo “Le Stelle di Roccia”, che si sono affiliati, e anche con la Trottola, per attività di sussidiarietà e tempo libero.

Tutte queste attività per chi soffre di disturbi mentali sono considerate terapeutiche perché sono indirizzate al recupero delle capacità fisiche e psichiche. L’associazione favorisce lo sport a chi sarebbe escluso dai circuiti classici sportivi. L’attività è aperta a chiunque voglia partecipare e mettersi in gioco. Gli eventi, le vacanze e i meeting oltre al piacere di stare insieme sono finalizzati alla contaminazione della società civile sul tema del disagio mentale, per costruire e ricostruire l’autostima e aumentare l’autonomia delle persone che ne fanno parte. Promuovere il concetto di regola e autocontrollo nell’ambito del gruppo e nel rapporto anche col mondo esterno. Molte persone sapendo che c’è un ritrovo settimanale di allenamento spezzano la loro settimana ritrovandosi in un gruppo accogliente e questo evita la solitudine.

Negli ultimi anni i Diavoli Rossi hanno partecipato a diversi progetti PRISMA in collaborazione con altre Associazioni e gruppi di Bologna e provincia. Nel 2019 i progetti sono “Passaporto per la Salute” con capofila l’Associazione Non Andremo Mai in TV e “Teniamoci Forte!” con capofila l’Associazione Il Ventaglio di ORAV.
Questi progetti prevedono la partecipazione a eventi sportivi e momenti di incontro con gli studenti per combattere lo stigma e il pregiudizio. Le attività di sussidiarietà dal gruppo “La Trottola” sono nate nel 2012 e si tengono presso il Centro Sociale e Culturale Croce a Casalecchio di Reno. Queste attività possono essere ludiche, culturali e altro, in cui gli utenti sono protagonisti in prima persona, sia nella presentazione, sia nella fase di discussione e confronto ed esprimono senza reticenze le loro esperienze di vita anche attraverso lo strumento della poesia, dell’arte, del teatro.

L’associazione partecipa al CUFO. Partecipa periodicamente al torneo “Di Mondi”, che in bolognese vuole dire “molto” ma sta a significare anche la pluralità delle provenienze di realtà diverse, antifasciste, antirazziste, anti sessiste. Diciotto squadre a Bologna che giocano presso parchi, giardini e centri sportivi della città e suoi dintorni. È un progetto per chi ha la passione di uno sport popolare come il calcio ed è un torneo creato per favorire socialità e relazione. Importantissimo il terzo tempo, con il momento della convivialità.

I Diavoli Rossi hanno come obiettivo la collaborazione volontaria con il DSM/DP per mantenere quello che viene considerato un servizio aggiuntivo irrinunciabile, cioè lo sport. Con la Trottola i Diavoli Rossi e le associazioni partner raccolgono una media di una quarantina di partecipanti a iniziativa, con l’apertura a tutta la cittadinanza.

Il trekking è un gruppo che prevede molte escursioni, dove il benessere psicofisico è in primo piano attraverso l’autonomia della persona nel contesto della natura. Ma anche in quello urbano, grazie agli appuntamenti del martedì pomeriggio con il trekking urbano per le vie di Casalecchio.

Giorgio, un operatore e fondatore dell’associazione, che non c’è più, amava dire i Diavoli Rossi sono angeli caduti dal cielo sotto il peso di un senso di colpa troppo grande per la loro sensibilità. Arrivati a terra non sapevano cosa fare e gli è stata tolta la maglia del disagio e hanno indossato quella dei Diavoli Rossi per scoprire la bellezza di stare in compagnia senza pregiudizi.

Altre iniziative a cui i Diavoli Rossi partecipano sono i tornei regionali e nazionali dedicati alla Salute Mentale, i Mondiali Antirazzisti, il Super Magic Crazy Sport a Casalecchio di Reno. Fissa inoltre la presenza al raduno estivo “Esportiamoci” che si tiene sempre a Viserba, in collaborazione con la UISP.

Lo sport, per chi è in difficoltà e non ha un’attività lavorativa a cui appoggiarsi, rappresenta un momento di integrazione irrinunciabile.



 

Marco Cavallo - simbolo della chiusura dei manicomi

La Terra Santa

...quando amavamo
ci facevano gli elettrochoc
perché, dicevano, un pazzo
non può amare nessuno...

Versi tratti da "La Terra Santa"
di Alda Merini
Una raccolta di poesie che l'autrice scrisse quando era rinchiusa nel manicomio Paolo  Pini, di Milano.

Scorciatoie

Sogni&Bisogni

Associazione Cercare Oltre

presso Istituzione Giancarlo Minguzzi
Via Sant'Isaia, 90
40123 Bologna
Codice Fiscale: 91345260375
email: redazione@sogniebisogni.it

Privacy&Cookies

Privacy Policy Cookie Policy