• Home
  • documenti
  • Articoli
  • In ricordo di Fabio Molinari, attore e utente.

In ricordo di Fabio Molinari, attore e utente.

aggiornato al | Staff | ARTICOLI

a cura di Federico Mascagni

E’ recentemente scomparso Fabio Molinari, attore della compagnia teatrale Arte e Salute diretta dal regista Nanni Garella e nata dalla collaborazione fra Arte e Salute onlus e il DSM-DP di Bologna.


FabioFabio faceva parte della compagnia Arte e Salute fin dal 2001. Quello che lo ha distinto è stato il suo entusiasmo, il suo impegno costante ed assiduo, la sua partecipazione a tutti gli spettacoli e a tutte le tournée in Italia e all’estero fino all’ultima in Giappone nel l’ottobre dello scorso anno che aveva definito come il più bel regalo che aveva ricevuto. Fabio parlava del suo ingresso nel mondo del teatro come di un’esperienza che aveva talmente cambiato la sua vita da non poterne più fare a meno. La recitazione per lui era fonte di benessere e di piacere: una terapia che lo aveva profondamente modificato . Immedesimarsi nei vari personaggi gli consentiva di trovare linfa vitale, gli dava la possibilità di approfondire la ricerca introspettiva e gli forniva una forte spinta verso il mondo esterno. Era felice, e questo lo si evince dalle testimonianze delle persone che lo hanno conosciuto personalmente e che, perciò, abbiamo pensato di riportare senza ulteriori commenti per lasciarle integre nel loro linguaggio immediato, nelle loro emozioni toccanti.

AMICI… vi adoro stiamo uniti e facciamoci forza. Ho appreso la tristissima notizia che mi ha spiazzato E non ho parole… se ci penso… ma Fabio sarà sempre con noi. Nell’infinità della nostra arte e del ricordo. Lui per me è un grande profondo sorriso. Gli occhi sorridevano, E questa cosa voglio portarla dentro, così starà sempre con me. Con la sua voce, la sua commozione.. Roberta

Io Fabio gli ho sempre avuto un grande bene. E me lo voglio ricordare così come è stato è rimasto per sempre nei nostri cuori di tutti quanti gli vollero bene. Addio migliore amico mio.

Un anno è passato e come parte della mia storia umana e professionale, ringrazio ancora di aver potuto incontrare te e tutti i membri diFabio3 Arte e Salute. Il tuo viso di un’espressività come ce ne sono poche, era come la tavolozza di un pittore. Sul tu volto si leggeva tutto e il tuo sorriso silenzioso di occhi e guance mi faceva bene. Di rimando sorridevo anche io. Te ne stavi un po’ per i fatti tuoi non perché non volessi compagnia ma perché sapevi che la giusta dose di solitudine può essere un’alta forma di libertà. E comunque eri un gran compagno, benvoluto perché buono, rispettoso, talentuoso, gentile.
Ricordo quella volta che sei entrato in scena in ritardo perché eri fuori dalla porta di servizio a fumare una sigaretta, noi ti aspettavamo ridendo. Da te ho imparato molto, perché all’inizio standoti vicino mi sentivo sempre un po’ piccolo e guardandoti ho capito che dovevo darmi da fare, senza però riuscire mai ad eguagliare quella “luce” che è un dono secondo me innato.

Nella nostra ultima scena insieme uscivamo sotto braccio come vecchi amici. Da allora non ci siamo più visti. “Hablaremos de todo amigo” io ti ricordo così. Ora che non ci sei più, mi mandano questa nostra foto di una scena nella quale secondo copione mi stavi minacciando, per me acquista tutt’altro significato. La tenerezza del tuo viso che si poteva vedere guardando dentro ai tuoi occhi. Addio Fabio



 

Marco Cavallo - simbolo della chiusura dei manicomi

La Terra Santa

...quando amavamo
ci facevano gli elettrochoc
perché, dicevano, un pazzo
non può amare nessuno...

Versi tratti da "La Terra Santa"
di Alda Merini
Una raccolta di poesie che l'autrice scrisse quando era rinchiusa nel manicomio Paolo  Pini, di Milano.

Scorciatoie

Sogni&Bisogni

Associazione Cercare Oltre

presso Istituzione Giancarlo Minguzzi
Via Sant'Isaia, 90
40123 Bologna
Codice Fiscale: 91345260375
email: redazione@sogniebisogni.it

Privacy&Cookies

Privacy Policy Cookie Policy