• Home
  • documenti
  • Articoli
  • Il numero del Faro dedicato alle Emozioni secondo la redazione di Sogni e Bisogni

Il numero del Faro dedicato alle Emozioni secondo la redazione di Sogni e Bisogni

aggiornato al | Staff | ARTICOLI

a cura di Maria Berri, Daniele Collina e Federico Mascagni

In questo articolo la redazione si è riunita per leggere integralmente il Faro, magazine ideato fondato e realizzato da utenti della salute mentale e che indaga in ogni numero un tema specifico. Quello dell'ultimo numero è l'emozione. Ciascun redattore si è concentrato su una parte specifica della rivista; ecco le considerazioni.

 

emozione3Le osservazioni di Maria Berri: Del nuovo numero colpisce la copertina in cui grandeggia il dipinto ad olio La culla vuota, opera realizzata nel periodo 1881/1883 dal pittore Giovanni Segantini. La scelta del quadro è fortemente suggestiva in quanto veicola l’attenzione del lettore su una delle emozioni più drammatiche che l’essere umano possa vivere: la perdita del figlio. Nel quadro primeggia il buio della stanza che rappresenta il dolore, lo strazio di una madre disperata per la perdita del proprio amore e la difficoltà ad abbandonare la culla. Il dipinto ad olio, dai colori scuri, terrosi, è attraversato da uno squarcio di luce proveniente da una finestra che lambisce le braccia e le mani pietose che coprono il volto distrutto dal dolore e il capo chino sulla culla vuota. L’expertise, a cura di Piergiorgio Fanti, ne tratteggia in chiave critica sia l’aspetto pittorico e sia il lato umano, in cui si evidenzia, attraverso le parole del pittore, la pietas per quella madre affranta.


Secondo Daniele Collina, fra riflessioni e approfondimenti scientifici, un articolo in particolare, quello firmato da Francesca, focalizza l’attenzione sull’antropologia attraverso il lavoro dello psicologo Paul Ekman, presso la tribù dei Fore, un popolo pre-letterato che vive in un remoto villaggio sulle alture della Papua Nuova Guinea. Lo psicologo riscontrò in questa tribù, che vive pressoché isolata dal nostro mondo civilizzato, le stesse espressioni di base delle emozioni primarie. Questo ci fa capire come le emozioni sono realmente di carattere universale e non sono legate al grado di sviluppo psicologico o culturale di chi le prova. Non manca, come in ogni numero del Faro, la parte dedicata alla poesia, sicuramente una forma artistica profondamente legata alle emozioni che possono ispirare sia chi scrive e sia chi legge. Infatti molto spesso una poesia viene scritta sulla scia di un particolare stato emotivo: felicità, tristezza, solitudine, amore, rabbia. Un lettore attento è in grado di capire leggendo la poesia queste emozioni del poeta e, di riflesso, provarle egli stesso.


Per Federico Mascagni la presenza degli articoli di Luca G, quasi trait d’union nel tema delle emozioni, conferisce un tono narrativo alla rivista,writingbrain con un io narrante in superficie tragicomico, ma dal quale trapela fortissimo un senso di angoscia legato a ricordi apparentemente superficiali, sicuramente episodici. Una frammentazione che deforma e ricompone continuamente le proprie piccole esperienze (dolorose e non) per raccontare le emozioni della paura. In un continuo rimpallo fra desideri inesauditi, sensi di colpa, ombre minacciose di datori lavori severi, genitori presi da problemi familiari, compagni di classe un po’ bulli, Luca G diventa personaggio con le sue complessità implicite e irrisolte. Merita un’attenta lettura per un talento che per la spontaneità dei suoi racconti meriterebbe un’antologia di sapore autobiografico.


Il Faro, magazine dalla belle grafica e ben impaginato dagli stessi redattori di cui consigliamo la lettura, può essere richiesto presso i Centri di Salute Mentale di Bologna.



 

Marco Cavallo - simbolo della chiusura dei manicomi

La Terra Santa

...quando amavamo
ci facevano gli elettrochoc
perché, dicevano, un pazzo
non può amare nessuno...

Versi tratti da "La Terra Santa"
di Alda Merini
Una raccolta di poesie che l'autrice scrisse quando era rinchiusa nel manicomio Paolo  Pini, di Milano.

Scorciatoie

Sogni&Bisogni

Associazione Cercare Oltre

presso Istituzione Giancarlo Minguzzi
Via Sant'Isaia, 90
40123 Bologna
Codice Fiscale: 91345260375
email: redazione@sogniebisogni.it

Privacy&Cookies

Privacy Policy Cookie Policy