Unità Operativa Psichiatria e Psicoterapia Età Evolutiva

aggiornato al | Staff | PROGRAMMI: aziendali e regionali

a cura di Stefano Costa, Neuropsichiatra infantile, Responsabile UO Psichiatria e Psicoterapia Età Evolutiva, DSM-DP, AUSL Bologna

La UOSD PPEE fornisce attività di terzo livello di diagnosi e trattamento di soggetti con condotte autolesive e suicidarie, soggetti con disturbi della personalità e soggetti con disturbi dell’umore; fornisce inoltre un’attività di consulenza per i Pronto Soccorso e i Reparti Ospedalieri che ricoverano minori, e alle Strutture del Centro di Giustizia Minorile per la diagnosi ed il trattamento dei minori autori di reato.

Il servizio si caratterizza per la possibilità di intervenire in urgenza attraverso un trattamento intensivo integrato e multiprofessionale che vede coinvolte diverse figure professionali che si coordinano attraverso un lavoro di équipe: neuropsichiatria infantile, psicologa, infermiera ed educatori.

Il progetto terapeutico è volto alla ripresa di un normale percorso evolutivo a partire dalla identificazione dei fattori individuali ed ambientali che hanno portato alla situazione di crisi; per questo, unitamente ad una approfondita valutazione psicodiagnostica, ci si avvale di tutti i possibili strumenti terapeutici del campo neuropsichiatrico (trattamenti psicoterapici individuali e familiari, interventi educativi, trattamenti farmacologici).

Viene fornita anche una attività di approfondimento diagnostico per le UOS della UOC NPIA Attività Territoriale rispetto a quesiti specifici per casi gravi e/o complessi.

Il Servizio cura una attività di formazione e di ricerca mirate a specifici quadri patologici (TS, episodi deliranti acuti, disturbi della condotta, ADHD) e all’intervento psicoterapico.

 Le tipologie di casi di cui si occupa la UOSD PPEE sono:

1. casi clinicamente urgenti che a loro volta hanno una priorità definita:
        a) tentati suicidi ed esordi psicotici
       b) gravi quadri depressivi acuti con ritiro sociale e minacce autolesive (un riferimento per la gravità può essere un punteggio pari o inferiore a 40 della scala CGAS), crisi acute e gravi di ansia (sintomatologia ossessivo-compulsiva) che bloccano il funzionamento sociale
        c) quadri gravi ed acuti di disturbo del comportamento o della condotta tali da compromettere il percorso evolutivo (gravi aggressioni ai coetanei o ai familiari non più gestibili dalla scuola o dalla famiglia) – questo punto può in realtà configurare una emergenza psico-sociale.
        d) altri quadri psicopatologici gravi, complessi ed acuti

2. protocolli specifici per TS, ADHD, Episodi deliranti acuti, Istituto Penale Minorile e Comunità;

3. consulenze richieste dall’Ospedale Maggiore (es. Chirurgia Pediatrica, NPI, Pediatria, Osp. Bellaria) e dall’Ospedale S. Orsola (in particolare Neuropsichiatria Infantile e Oncologia Pediatrica).

4. definizione quesiti specifici e progetti terapeutici per i casi gravi e complessi.

Di norma accedono alla UOSD pazienti a partire dai 14 anni, fino a 18 anni.

PERCORSI SPECIFICI

TENTATO SUICIDIO. VALUTAZIONE E PRESA IN CARICO: ai minori che hanno compiuto un gesto suicidario o comunque a rischio suicidario, viene offerta innanzitutto una approfondita valutazione psicodiagnostica, quindi una presa in carico che prevede una consultazione seguita da sostegno psicoterapico individuale, intervento educativo e farmacologico (se necessario) per superare la crisi, e sostegno ai familiari. Si tratta di un intervento in situazione di crisi che solitamente non si prolunga oltre gli 8 mesi, durante i quali il soggetto è mantenuto in carico al servizio con Day Service.

SCOMPENSO PSICOTICO ACUTO: Vi• GRUPPI TERAPEUTICI PER FAMILIARI:incontri psicoeducativi (modello DBT) e di sostegno per genitori di pazienti con disturbi di personalità, gravi disturbi della condotta, gravi difficoltà relazionali con isolamento, abbandono del percorso scolastico. A cicli di 13 incontri, a cadenza settimanale.ene garantita una tempestiva presa in carico intensiva multiprofessionale.
Il trattamento iniziale ha come scopi:
- sviluppare una valutazione complessiva somatica e psicosociale del paziente e del contesto ambientale
- stabilire il trattamento appropriato
- stabilire un aggancio relazionale, una alleanza terapeutica con il paziente e la famiglia
- Attuare una valutazione del contesto ambientale e del rischio: nei primi colloqui andrà valutata la possibilità di sostegno per il paziente da parte della famiglia
- Identificare i fattori stressanti a livello psicosociale (fattore spesso sottovalutato che può aggravare i sintomi è la mancanza di sonno).

GRUPPI TERAPEUTICI PER RAGAZZI: pazienti con disturbi di personalità, gravi disturbi della condotta, gravi difficoltà relazionali con isolamento, abbandono del percorso scolastico. A cicli di 3-4 mesi, a cadenza settimanale.

GRUPPI TERAPEUTICI PER FAMILIARI: incontri psicoeducativi (modello DBT) e di sostegno per genitori di pazienti con disturbi di personalità, gravi disturbi della condotta, gravi difficoltà relazionali con isolamento, abbandono del percorso scolastico. A cicli di 13 incontri, a cadenza settimanale.

GRUPPI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE PRESSO ISTITUTO PENALE MINORILE (IPM): incontri rivolti a tutta l’utenza dell’IPM, suddivisa in due gruppi distinti, individuati dall’area tecnica dell’Istituto, per garantire la tutela della salute psichica dei ristretti e un costante monitoraggio dell’intera popolazione detenuti in IPM. Gli incontri si sono svolti con cadenza quindicinale per ciascun gruppo, con durata di 90 minuti.
Il coordinamento e il monitoraggio dei gruppi è stato gestito dalle psicologhe della UOS PPEE, unitamente alla collaborazione dell’area sanitaria interna all’IPM. L’articolazione degli incontri e dei contenuti è stata predefinita dalla suddetta UO, sulla base dell’esperienza professionale e degli incontri (individuali e di gruppo) con i ragazzi stessi.

AMBULATORIO DI PSICOFARMACOLOGIA IN ETÀ EVOLUTIVA: L’uso di terapia farmacologica in psichiatria dell’età evolutiva pone questioni di tipo etico, medico-legale e relative al monitoraggio clinico, ed in Italia è relativamente poco diffuso. La prescrizione deve essere preceduta da una diagnosi clinica accurata e deve inserirsi in un progetto globale di trattamento.
Nel corso degli anni sono andate progressivamente aumentando le richieste di consulenza farmacologica inviate dal Servizio di NPIA Territoriale al livello specialistico di Psichiatria dell’Età Evolutiva.
Per far fronte a tali necessità è stato quindi istituito un ambulatorio di psicofarmacologia.
L’ambulatorio di psicofarmacologia, collocato all’interno del Day Service di Psichiatria e Psicoterapia dell’età Evolutiva Area NPIA, DSM-DP di Bologna, è dedicato a tutti i minori con sintomatologia di tipo psicopatologico per i quali viene richiesta dal referente clinico territoriale una consulenza farmacologica.
I pazienti all’accesso hanno quindi già in atto un percorso terapeutico, solitamente multimodale, all’interno del quale si inserisce l’intervento farmacologico.
L’invio avviene tramite compilazione di apposita scheda, validata ed inserita dal Responsabile della UO di riferimento, nella Cartella Condivisa.

 

SEDI

UOS Psichiatria e Psicoterapia Età Evolutiva: sede principale presso il Day Service dell’Ospedale Maggiore.

Sedi secondarie:
• Laboratori Educativi, Poliambulatorio Carpaccio
• Strutture residenziali Giustizia Minorile, Via De Marchi.

 

ARTICOLAZIONI ORGANIZZATIVE

La UOS Psichiatria e Psicoterapia Età Evolutiva è costituita da:
• Day Service (presso l’Ospedale Maggiore) dedicato a diagnosi e cura in situazioni psichiatriche di urgenza, emergenza e complessità clinica;
• attività educative per il trattamento intensivo che sono svolte in ambienti dedicati presso il Poliambulatorio Carpaccio.
• il Modulo Giustizia Minorile (Carcere Minorile, Centro Prima Accoglienza e Giustizia Minorile) che hanno valenza sovraterritoriale e supportano tutte le UU.OO.SS. del territorio con le loro attività.

ACCESSO AL SERVIZIO
LA UOSD è un servizio di terzo livello che non prevede un accesso diretto dell’utenza; gli invii avvengo a cura del Servizio Territoriale di NPIA dell’AUSL di Bologna.

RECAPITO TELEFONICO
051-6478305

APERTURA SERVIZIO
Dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 16



 

Marco Cavallo - simbolo della chiusura dei manicomi

La Terra Santa

...quando amavamo
ci facevano gli elettrochoc
perché, dicevano, un pazzo
non può amare nessuno...

Versi tratti da "La Terra Santa"
di Alda Merini
Una raccolta di poesie che l'autrice scrisse quando era rinchiusa nel manicomio Paolo  Pini, di Milano.

Scorciatoie

Sogni&Bisogni

Associazione Cercare Oltre

presso Istituzione Giancarlo Minguzzi
Via Sant'Isaia, 90
40123 Bologna
Codice Fiscale: 91345260375
email: redazione@sogniebisogni.it

Privacy&Cookies

Privacy Policy Cookie Policy